La guida per il risotto perfetto

Finalmente ho deciso di affrontare l’argomento risotto e di stilare laguida per il risotto perfetto. Io adoro il risotto, ve l’avevo mai detto? E si che sono una donna del sud ma a me proprio MI PIACE. 

E’ anche uno dei pochissimi modi in cui mangio il riso che, di per sè, non mi fa impazzire.

Così, nel tempo, ho sperimentati diversi metodi per prepararlo ed ho definito quelli che, per me, sono i passaggi fondamentali per ottenere un risotto perfetto. 

Guida per il risotto perfetto

Il liquido di cottura

Qual’è la proporzione giusta per preparare un buon risotto?

1,4 litri per 1 kg di riso. Questa è la quantità che vi servirà.

Prima di andare oltre, apro breve parentesi sul liquido di cottura può variare tra brodo vegetale o di carne (se non stiamo parlando di risotti con il pesce). Generalmente, quando preparo il brodo, ne tengo sempre un pò da parte per un risottino saporito.

Se invece non ne avete?

La soluzione più giusta è mettere su una pentola d’acqua con sedano carota, cipolla, alloro, rosmarino e chiodi di garofano; portate a bollore e lasciate cuocere almeno 15 minuti. Ora siete pronti per procedere

Che caratteristiche deve avere un risotto perfetto?

Un buon risotto deve essere cremoso, avvolgente e saporito ma, allo stesso tempo, i chicchi devono essere integri ed al dente. Per ottenere un risultato perfetto basterà seguire delle piccole regole e il risultato sarà assolutamente garantito.

Il riso: sceglietelo sempre di ottima qualità, preferendo il carnaroli o il vialone nano.

La tostatura è un procedimento fondamentale per due motivi: prima di tutto vi aiuterà a sigillare i chicchi facendo in modo che rimangano integri proteggendoli dallo stress della cottura ed inoltre permetterà un rilascio graduale di amido che regalerà cremosità al riso.

Potete tostare il riso semplicemente a secco (io preferisco fare così) scaldandolo dolcemente e quando sarà tostato, ma non colorato, potete procedere con il brodo ed eventuali altri ingredienti. Quindi per me niente soffritto ma piuttosto un bel brodo carico e saporito.

Potete anche scegliere di tostare il riso in un grasso, preferibilmente burro.

Il burro: sebbene c’è chi sostituisce il burro con l’olio – ed io amo follemente l’olio – a mio parere, in un risotto, il Burro è insostituibile!!!! Anche stavolta, sceglietelo di ottima qualità, prendete quello che vi  serve per il vostro risotto e mettetelo in freezer prima di cominciare. Anche la mantecatura con burro freddo da congelatore servirà a regalare cremosità per shock termico.

Importante: mantecate sempre a fuoco spento.

2 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *