Risotto alla zucca, la ricetta classica

La zucca

Ho deciso di inaugurare le ricette dei risotti con un classico di stagione, il risotto alla zucca! Ho imparato con il tempo ad amare quest’ingrediente e a capire quanto, effettivamente, sia versatile in cucina. Adesso lo adoro, letteralmente, e arriveranno un bel pò di ricette a tema.

Da quando sono arrivata qui in Germania, ne sono praticamente circondata. Ce ne sono di tutte le grandezze e di diverse qualità. Capite bene che per me è stato impossibile non cedere alla tentazione!

La ricetta

Risotto alla Zucca

Quella che vi propongo oggi è la versione sicuramente più semplice e basica a cui potete aggiungere tantissime varianti: zucca e salsiccia/speck, mantecatura con stracchino o altri formaggi, pomodori semi-dry e così via…insomma potete davvero sbizzarrirvi con la fantasia partendo da qui.

Prima di cominciare ti consiglio di leggere tutti i miei suggerimenti per ottenere un risotto supercremoso e, semplicemente perfetto. Ecco la mia GUIDA PER IL RISOTTO PERFETTO

Ingredienti per 4 persone

  • 300g riso carnaroli
  • 200g di polpa di zucca
  • Brodo di carne o vegetale
  • 80g di burro da congelatore
  • sale
  • timo

Procedimento

  1. Mettiamo il riso in una padella dai bordi alti e facciamo tostare a fuoco lento, girandolo spesso
  2. Quando il riso sarà caldo e si sarà formata una pellicina bianca più evidente all’esterno dei chicchi procediamo a bagnare con il brodo, ricoprendo il riso
  3. Prendiamoci cura del riso, girandolo spesso ma non sempre (non stressiamolo troppo)
  4. Quando il brodo tende ad asciugare aggiungiamone ancora
  5. A metà cottura inseriamo la polpa della zucca e continuiamo a cuocere
  6. Assaggiamo sempre e regoliamo il sale
  7. Quando il riso è cotto ma ancora al dente, spegniamo il fuoco
  8. Prendiamo il burro freddo – e, se volete, del parmigiano – e lo tuffiamo nel riso girando molto velocemente
  9. Se vi sembra che si asciughi troppo aggiungete ancora un pò di brodo
  10. Lasciate riposare 2/3 min e poi impiattate

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *